Ariel Magnus

Un cinese a Buenos Aires

  • Collana:
  • Titolo originale: Un chino en bicicleta
  • Traduzione di: Fabio Cremonesi
  • ISBN: 978-88-95492-14-8
  • Pagine: 266
  • Prima edizione: settembre 2009
  • Formati: brossura
  • Prezzo: 16,50 €

Sinossi

Un giovane argentino viene sequestrato da un presunto piromane cinese contro cui ha appena testimoniato in un processo per undici incendi dolosi in altrettanti negozi della città. Cosa c’è sotto? La mafia cinese o un complotto ordito ai danni della comunità orientale? E qual è il ruolo dei programmi sensazionalistici delle tv locali e della comunità ebraica?

Basato su un fatto reale e travestito da thriller, Un cinese a Buenos Aires è un viaggio comicissimo ma niente affatto superficiale nella Chinatown della capitale argentina, vista dapprima dal retro del ristorante tutti soddisfatti, poi per le strade, tra la gente, parlando di un’emigrazione fuori da tutti i cliché (i cinesi di Ariel Magnus non sanno andare in bicicletta e si pongono inquietanti domande sull’uso della forchetta), tra bordelli e karaoke, mercatini di cianfrusaglie orientali, sinagoghe e templi della setta falun gong, amicizie improbabili e amori travolgenti.

Autore

Ariel Magnus

Ariel Magnus è nato nel 1975 a Buenos Aires. Tra il 1999 e il 2005 ha vissuto in Germania, a Heidelberg e Berlino, dove ha studiato letteratura spagnola e filosofia. È traduttore dal tedesco e collaboratore di diversi periodici latinoamericani ed europei.